ES / ENG

Come promuovere un brand nella GDO: campagne in store e out store

in store promotion arquati - Hostess & Promoter

Questa foto è stata scattata prima del Covid-19

Nell’era della digitalizzazione promuovere un brand è diventato un processo complesso. 

Sia nell’ambito b2b che nell’ambito b2c, molte società decidono di avvalersi quasi esclusivamente della promozione digitale utilizzando un sito web, i social network o i blog, e ritenendo che questi strumenti possano, in qualche modo, aiutare a raggiungere i prospect più in profondità, andando ad influire sulle loro abitudini d’acquisto. 

Internet, sicuramente è uno strumento potente ma, per  un brand che lavora nell’ambito della GDO, utilizzare il web come unica via promozionale è abbastanza limitante, proprio perché vengono a mancare due aspetti fondamentali dell’acquisto in store:

– il contatto umano; 

– la possibilità di analizzare il prodotto attraverso tutti e 5 i sensi. 

Proprio per questo motivo il metodo migliore per promuovere un brand che si occupa di distribuzione di prodotti nella GDO è la realtà, e non il web. 

Grazie alla tipologia di marketing denominata face to face, ovvero il marketing faccia a faccia, i brand possono interagire con i potenziali clienti attraverso il contatto umano, far testare i loro prodotti o creare esperienze. Insomma, grazie al marketing face to face i brand possono rendersi memorabili nella vita reale. 

Il marketing face to face, tuttavia, è un termine ombrello che comprende diverse strategie promozionali che possono essere realizzate sia direttamente all’interno dei punti vendita, che al di fuori dei negozi, per strada. Proprio per questo motivo il marketing face to face è così potente, perché riesce a raggiungere ovunque si trovino e, soprattutto, a coinvolgerli. 

Ovviamente la scelta dei luoghi in cui svolgere le campagne di marketing face to face non è casuale, ma viene determinata da una serie di studi specifici e approfonditi sulle abitudini e sui luoghi maggiormente frequentati dal target di riferimento del brand, in relazione alla città in cui si desidera portare a termine la promozione. Questi studi vengono chiamati circuitazione del target e sono essenziali per portare a termine una campagna di marketing face to face

Promuovere un brand all’interno del punto vendita della GDO: il marketing face to face in store

Una campagna face to face in store per la GDO è, come abbiamo accennato, una campagna promozionale che si svolge all’interno di un punto di grande distribuzione organizzata, e quindi durante il processo d’acquisto dei potenziali clienti, realizzata grazie all’impiego di figure professionali specifiche. 

Al contrario di quanto si potrebbe pensare, però, la campagna di in store promotion non è volta esclusivamente all’aumento delle vendite di un determinato prodotto. 

Le campagne di in store promotion face to face, infatti, possono essere utilizzate per incrementare brand awareness e brand positioning, per stimolare la brand loyalty o addirittura per effettuare analisi di mercato in merito al gradimento di determinati prodotti. 

La forza delle in store promotion face to face sta nell’associare alle più classiche tecniche di promozione in negozio il valore aggiunto della presenza umana. 

Le in store promotion face to face, infatti, vengono portate a termine da figure come: hostess, promoter o addirittura brand ambassador. Figure appositamente formate che sanno come approcciare i potenziali clienti ed interagire con loro attraverso tecniche specifiche. 

Hostess, promoter, steward o brand ambassador professionisti, quindi, diventeranno la rappresentazione fisica del brand all’interno dello store andando a migliorare la brand experience

Quali sono le principali tecniche di in store promotion face to face nella GDO?

Le più classiche tecniche di in store promotion face to face per quanto riguarda la GDO sono sicuramente: tasting, sampling e couponing. 

Le prime due tecniche possono essere utilizzate per stimolare sia la brand awareness che la brand loyalty mentre il couponing, solitamente, viene utilizzato per incrementare le vendite di un singolo prodotto o di un insieme di prodotti riconducibili ad un brand

Tasting per stimolare la brand awareness

La strategia del tasting di fatto è quella più comunemente conosciuta come assaggio gratuito. Fornire un campione gratuito di un prodotto, senza che il potenziale cliente si senta costretto ad acquistare qualcosa, consente di far guadagnare sia al prodotto che al brand uno spazio nella mente del prospect. Uno degli obiettivi raggiungibili tramite una strategia di tasting, quindi, è incrementare la brand awareness

Sampling per incrementare la brand loyalty 

La tecnica del sampling consiste nel rilasciare ai clienti campioni gratuiti di prodotto in modo che possano essere utilizzati a casa, con calma. Un brand che fornisce ai propri clienti campioni gratuiti all’interno di promozioni in store, di fatto, incrementa la brand loyalty.

Grazie al sampling, infatti, i clienti potranno provare altri prodotti del brand e, se questi prodotti saranno graditi, probabilmente li acquisteranno. 

Couponing per incrementare le vendite

Il couponing consiste nel consegnare al prospect dei coupon che permetteranno loro di accedere a particolari promozioni in uno lasso di tempo ben specifico.
Ovviamente utilizzare la tecnica del couponing in relazione ad un prodotto specifico consentirà, ovviamente di incrementarne le vendite.

Tasting, sampling e couponing possono essere utilizzate sia durante singole giornate promozionali che durante quelli che vengono definiti tour in store, ovvero dei veri e propri tour promozionali che avvengono all’interno di store dislocati in diverse aree geografiche per un periodo di tempo predefinito. 

Con l’avvento della pandemia, tuttavia, molti italiani hanno sviluppato l’abitudine di fare la spesa online e quindi potrebbero essere esclusi da una strategia di promozione in store.
Esiste un modo per raggiungere queste persone nella realtà, anche se non si recano più fisicamente negli store?

La risposta è sì, e si chiama street marketing

Promozioni Outdoor, raggiungere il proprio target di riferimento fuori dal negozio, durante la sua quotidianità 

Le outdoor promotion, proprio come le in store promotion, sono strategie promozionali molto potenti, che permettono di raggiungere i propri clienti durante la loro quotidianità. La principale differenza tra in store promotion e outdoor promotion, infatti, non è relativa alle metodologie, ma al luogo dell’approccio. 

Come abbiamo già detto l’in store promotion viene effettuata all’interno del punto vendita, l’outdoor promotion, invece, viene effettuata all’aria aperta, per strada. 

Quali sono le principali tecniche di outdoor promotion face to face?

Ovviamente, per quanto riguarda brand che operano nel settore food i cui prodotti si trovano all’interno della GDO, l’in store promotion sembrerebbe essere la strategia promozionale più azzeccata. 

In realtà però determinate tecniche di outdoor promotion, a volte possono risultare addirittura più funzionali per stimolare brand awareness e brand loyalty in quanto non promuovono un prodotto, ma un’esperienza legata al brand. Le principali tecniche di outdoor promotion sono: 

  • tour promozionali;
  • roadshow;

 

Tutte e quattro queste tecniche possono essere associate, ad esempio anche a sampling o tasting, magari proponendo degli specifici giochi a premi in cui il potenziale cliente, portando a termine un obiettivo specifico, riceverà come premio gadget o un prodotto omaggio. 

instore promotion il nostro consiglio Hostess&promoter
Questa foto è stata scattata prima del Covid-19

A chi rivolgersi per promuovere il proprio brand tramite tecniche di in store e outdoor promotion

La progettazione e la realizzazione di campagne in store e outdoor non possono essere affidate al caso ma devono essere realizzate da agenzie di marketing operativo specializzate in marketing face to face. Alla base di una campagna promozionale ben realizzata, infatti, ci sono diversi step:

– ideazione della campagna più idonea agli obiettivi del brand sia questa una giornata singola o un tour, in store o outdoor; 

– circuitazione del target; 

– la progettazione e la realizzazione dei materiali PoP, ovvero dei materiali promozionali: 

– la selezione di personale professionale specializzato nella promozione;

– la formazione di questo professionale; 

– l’allestimento fisico della campagna; 

– l’elaborazione dei dati raccolti. 

Ovviamente è molto difficile che un brand abbia a disposizione tempo e risorse idonee a sostenere un processo complesso come quello della realizzazione di una promozione.

Proprio per questo motivo, per realizzare una campagna promozionale funzionale è essenziale rivolgersi ad un’agenzia di marketing operativo.
Un’agenzia come Hostess&Promoter.

Da oltre 10 anni noi di Hostess&Promoter ci occupiamo della realizzazione di campagne promozionali in store e outdoor per brand che vogliono raggiungere i loro obiettivi di marketing

Vuoi saperne di più?
Consulta i nostri case history, oppure richiedici un preventivo gratuito compilando il form sottostante. 

Affidati a noi, compila il form sottostante per ricevere un preventivo