ES / ENG

Marketing post covid cosa è cambiato e i nuovi trend

marketing post covid

La pandemia da coronavirus che ci ha travolti nel 2020 ha radicalmente cambiato le nostre vite. Questi cambiamenti hanno interessato le relazioni umane, con periodi di isolamento che ci hanno obbligato ad interagire tra noi più attraverso la tecnologia che di persona. Messaggi di testo e video chiamate hanno soppiantato gli incontri personali, le chiacchiere scambiate a quattr’occhi e le strette di mano. In ambito lavorativo interi settori sono stati interessati da un cambio radicale nella gestione delle modalità operative delle proprie attività, con un veloce diffondersi del lavoro a distanza. Sempre a causa della pandemia diversi settori sono stati duramente penalizzati e non ha tardato a farsi sentire il contraccolpo rappresentato da una forte crisi economica. Il pericolo del contagio ha imposto prudenza ovunque, con l’utilizzo di dispositivi di protezione personale e il divieto di creare assembramenti. Le restrizioni a lungo andare hanno mutato il volto delle nostre città e il nostro modo di interagire. Ora che la pandemia sta gradualmente rallentando il suo corso la vita riprende, seppur in maniera diversa da prima.
Molte aziende si trovano oggi a dover affrontare un’importante sfida, a rimboccarsi le maniche e ad elaborare e porre in essere piani di azione che tengano il passo con i cambiamenti epocali che la pandemia ha comportato. E il marketing, com’è cambiato in questi due anni? Quali sono i trend e gli scenari futuri che si prospettano ai nostri occhi?

 

L’impatto del covid sul marketing

La rivoluzione post covid ha inevitabilmente investito anche il marketing e il modo di fare marketing. Da una ricerca condotta da Deloitte che ha coinvolto più di 250 Chief Marketing Officer emerge che la priorità nel post pandemia è rappresentata dalla necessità di rafforzare la digitalizzazione dei servizi ed i canali di comunicazione. Una comunicazione che deve farsi più accurata, empatica e personalizzata, per rispondere alle esigenze di consumatori sempre più esigenti.

Il post pandemia impone nuovi investimenti, soprattutto nell’ambito della tecnologia e dell’innovazione digitale; e se da una parte si assisterà a un significativo ridimensionamento dei costi a causa dell’impatto del Covid 19, dall’altra si avranno aumenti di budget per lo sviluppo di nuovi prodotti e servizi.  In generale, un’ampia fetta di intervistati conviene circa il fatto che oggi più che mai sia necessario promuovere una cultura del lavoro orientata alla flessibilità e alla trasversalità, per poter meglio rispondere ai cambiamenti imposti dalla pandemia. Il 20% dei CMO intervistati afferma che il lavoro agile – comunemente detto smartworking – sarà in continua crescita e che sarà sempre più necessario adottare un approccio empatico nei confronti del proprio team per garantire alle aziende performance sempre più di successo. In generale, nelle strategie di marketing post covid, è fondamentale mettere al centro le persone e pensare fuori dagli schemi, per fronteggiare le nuove sfide che questo periodo storico comporta.

Marketing digitale

I nuovi trend

Dopo la pandemia si delinea un mondo nuovo anche nell’ambito del marketing, della comunicazione e delle vendite. Le aziende sono chiamate a monitorare i trend e i nuovi comportamenti d’acquisto dei consumatori per ridisegnare nuove strategie. In buona sostanza, questi sono alcuni dei nuovi trend che si delineano per il prossimo futuro:

 – Impennata dell’e-commerce

Uno dei principali trend individuati dalle ricerche (McKinsey) è un aumento significativo dell’utilizzo degli e-commerce. Chi già prima della pandemia era solito effettuare acquisti in rete oggi ha aumentato il numero di transazioni e chi non aveva mai ricorso a questo strumento, con la pandemia ha iniziato a farlo. La pandemia ha reso quindi i consumatori più “digitali”. Infatti, secondo l’indagine condotta da McKinsey il 70% dei consumatori prevede di continuare se non addirittura aumentare gli acquisti online anche dopo la fine delle restrizioni.  Il trend in atto vede ora diventare l’ecommerce “conversational”: contattando il customer service aziendale, oggi gli utenti possono richiedere informazioni ed effettuare i propri acquisti in maniera diretta attraverso semplici messaggi di testo o con la propria voce, utilizzando degli appositi assistenti vocali.

 

– Diffusione di social commerce e shopstreaming

Nel 2022 si assisterà anche ad un aumento e ad un graduale diffondersi del social commerce: si faranno più acquisti anche attraverso le pagine social aziendali, specie tra i millenials. Questo – negli anni a venire – porterà un gran numero di aziende ad investire maggiormente nei propri social commerce, indipendentemente dal settore merceologico di appartenenza e dalle proprie dimensioni. A facilitare il social commerce infatti contribuiscono strumenti come gli shopable post su Instagram o il Marketplace di Facebook, solo per citare le applicazioni più note. Un altro trend del 2022 sarà rappresentato dallo shopstreaming, ossia la compravendita di prodotti o servizi durante le dirette video sui canali social aziendali o su app e piattaforme per l’eCommerce: una specie di televendita, ma in chiave moderna.

 

– Policy anti covid integrate nelle strategie di marketing

Circa l’80% dei consumatori (report Medallia Zingle) si informa sugli standard di sicurezza di un’azienda prima di visitare un suo punto vendita. E’ chiaro che oggi più che mai le aziende debbano guadagnarsi la fiducia dei clienti integrando le proprie policy anti covid all’interno delle strategie di marketing, rendendo pubbliche le proprie good practises per il contrasto e il contenimento dei contagi.

 

– Digitalizzazione della customer experience

La pandemia ha creato nuove aspettative nei consumatori e le aziende oggi devono pensare a nuove strategie per garantire una nuova e più efficace customer experience. Questa non può che far leva sui canali digitali. Già prima della pandemia le aziende consideravano favorevolmente la tecnologia come un utile strumento per interagire con i propri clienti, ma con l’avvento della pandemia essi hanno dovuto più che mai adottare nuove soluzioni tecnologiche per continuare a rapportarsi con loro. Basti pensare a sistemi di messaggistica come whatsapp business, che viene oramai spesso utilizzato per intrattenere comunicazioni personalizzate con i clienti, rispondere alle loro domande, ricevere prenotazioni od offrire supporto tecnico; oppure a social media come Facebook e Instagram, strumenti sempre più utili alle aziende per restare in contatto con i propri clienti e creare contenuti utili e costantemente aggiornati.

Tutti questi canali hanno assunto un ruolo chiave nel rapporto con i consumatori e il loro utilizzo, lungi dal rarefarsi, in futuro rappresenterà un trend sempre più in crescita, anche nel post pandemia.

Molti CMO ritengono infatti che si debba ripensare il ruolo dei canali di comunicazione in favore di quelli digitali ed è per questo che ne prossimo futuro si assisterà sempre più ad un passaggio dai più tradizionali media off line a nuovi canali di comunicazione online.

 

blank

 

– Una nuova shopping experience orientata al digitale

Anche gli acquisti in negozio sono radicalmente cambiati con la pandemia: si è assistito ad un vero e proprio boom del digitale per garantire un’esperienza di acquisto unica anche a distanza. Ed è così che oltre all’avanzata degli ecommerce si è assistito al proliferare di servizi digitali quali chat, collegamenti streaming con i punti vendita o visite virtuali all’interno dei negozi, per garantire un’esperienza personale pur con tempi ridotti di permanenza all’interno dello store. Tutto ciò ha determinato un profondo cambiamento nelle abitudini di acquisto dei clienti, anche ad emergenza sanitaria conclusa. I clienti più avvezzi alla tecnologia, come la fascia di consumatori di più giovane età, non vogliono rinunciare ai vantaggi e alle comodità che la tecnologia offre ed è per questo che per gli anni a venire si profila un consolidamento nell’uso della tecnologia anche all’interno dei punti vendita. Se vuoi sapere di più su come si è evoluto il retail durante e dopo la pandemia, leggi questo articolo.

Sei pronto a ripartire con le tue attività di marketing e di comunicazione nel post pandemia? Scegli un partner affidabile e preparato: affidati a noi di Hostess & Promoter! Contattaci oggi per spiegarci le tue esigenze o per richiederci un preventivo gratuito.

 

Affidati a noi, compila il form sottostante per ricevere un preventivo