ES / ENG

Field marketing vs Event marketing: quali sono le differenze?

field marketing vs event marketing

In un mercato già saturo, distinguersi dalla concorrenza diventa sempre più difficile, per questo è necessario rivolgersi e mettere in campo strategie di marketing efficace. Il Field marketing e l’event marketing, rappresentano, entrambe, valide alternative per coinvolgere il consumatore.

Due termini che apparentemente possono sembrare simili tra loro, entrambi possono essere applicati per la pianificazione degli eventi e nel marketing sul campo. Entrambi, possiamo dire, con gli stessi obiettivi, e forse proprio per questo, spesso confusi, ma invece, hanno caratteristiche ben distinte. Cosa è che li rende così diversi? Come possiamo distinguerli? Come possiamo scegliere quale è effettivamente necessario per la nostra organizzazione, forse entrambi?  Vediamo insieme le differenze tra il field marketing e l’event marketing. 

Field Marketing

Il Field marketing, cosi come l’event marketing, fa parte del direct marketing, ma il Field Marketing si contraddistingue da quest’ultimo per una caratteristica fondamentale: il face-to-face, ovvero il rapporto diretto tra venditore e potenziale cliente. Questo molto spesso avviene attraverso l’offerta di campioni omaggio, dimostrazioni e vendite dirette.

E’ una tecnica molto più coinvolgente rispetto alle altre tecniche, che può sembrare anche facile e banale ma in realtà, è molto efficace ed utile per tanti aspetti. Il Field Marketing permette di rafforzare la brand e product awareness e migliorare il rapporto di fiducia con i clienti, allo scopo di aumentare le vendite in maniera mirata. Questo perché grazie al face-to-face le aziende di marketing operativo possono avere un quadro più chiaro del loro target di riferimento e creare così messaggi e offerte ad hoc, che andranno appunto ad incrementare le vendite.

Il “Marketing sul campo” non si limita soltanto all’interno dei punti vendita, infatti, qualsiasi azione che comporti l’incontro diretto tra brand e consumatore rientra in questo ambito, quindi anche out of store. Sono coinvolte il settore delle fiere e degli eventi così come tutto l’ambito dello street marketing. Sampling, dimostrazioni, promotion e vendite dirette: tutte queste attività rientrano nell’approccio “face-to-face” che è il tratto distintivo del field marketing rispetto alle altre tipologie di direct marketing.

Promoter in azione street marketing

Event Marketing

La differenza fondamentale tra la pianificazione degli eventi e il marketing sul campo è che la pianificazione degli eventi si concentra generalmente sulla generazione di lead, potremmo dire quindi sulla quantità, piuttosto che sulla qualità ovvero le modalità con le quali trovare nuovi clienti e lo studio del target di riferimento che comporta, come abbiamo già detto, un inevitabile aumento delle vendite, entrambe caratteristiche peculiari del Field Marketing.

A causa di una concorrenza sempre più spietata è necessario distinguersi ed entrare a far parte dell’immaginario del potenziale cliente, e l’event marketing permette proprio di raggiungere questo obiettivo, grazie ad una serie di formati adatti a ogni esigenza. Ne esistono infatti diverse tipologie. Possiamo citarne alcuni per farvi degli esempi: le conferenze, le fiere, i seminari, store pop-up o temporary shop, quest’ultimi spazi di vendita temporanea che danno alle aziende l’opportunità di vendere i loro prodotti in un ambiente selezionato.

Il vantaggio quindi di “creare eventi” è fondamentalmente la generazione di un grande numero lead e di vendite, ma al tempo stesso anche un facile coinvolgimento dei clienti e dei potenziali clienti, la costruzione di una migliore consapevolezza del marchio, e l’educazione delle persone sul futuro prodotto che potrebbero acquistare.

SCOPRI DI PIU’ SULLO STAFF EVENTI >

blank

Quindi ricapitolando quali sono le differenze tra Event e Field Marketing? 

La differenza fondamentale tra la pianificazione degli eventi e il marketing sul campo è che la pianificazione degli eventi si concentra generalmente sulla generazione di lead, potremmo dire quindi sulla quantità, piuttosto che sulla qualità ovvero le modalità con le quali trovare nuovi clienti e lo studio del target di riferimento che comporta, come abbiamo già detto, un inevitabile aumento delle vendite, entrambe caratteristiche peculiari del Field Marketing.

In ogni caso, la soluzione vincente può essere quella di affidarsi a degli specialisti e nello specifico ad un’agenzia professionale di marketing a 360 gradi come quella di Hostess&Promoter

Hostess & Promoter lavora sul campo con una esperienza tale da proporre format già ampiamente testati, proponendo soluzioni efficaci in base alla tipologia di brand da promuovere e con promoter qualificati e preparati. Centinaia di clienti con i quali abbiamo collaborato rappresentano il nostro “case history” di assoluta riuscita.

 

Vorresti trovare anche tu la campagna promozionale estiva vincente? Contattaci subito compilando il form sottostante.

    Azienda (*)
    Referente (*)

    E-mail (*)


    Telefono (*)


    Oggetto


    Messaggio


    INSERISCI ALLEGATO


    (*) Campi obbligatori