ES / ENG

B2C: Il Business to Consumer

Cosa è il Business to Consumer (B2C)?

B2C è un acronimo che sta a significare “Business to Consumer”, ovvero un particolare modello di commercio nel quale ci sono essenzialmente due protagonisti: un’azienda e il consumatore finale. Il business del B2C prevede quindi che un brand si rivolga direttamente ai suoi utenti e il suo target di riferimento senza l’utilizzo di intermediari o un canale di distribuzione. Non è un caso, ad esempio, che spesso si usi questo acronimo per riferirsi al mercato dello shopping online, dove molti marchi e brand vendono direttamente, tramite internet, ai propri utenti finali. Oppure alle aziende che vendono nei propri locali commerciali. Proprio per questo, il modello “Business to Consumer” si riferisce proprio alle persone fisiche e l’utilizzo privato dei beni venduti, piuttosto che la vendita ad aziende e partite iva.

blank

Alcuni esempi di B2C

Esistono infiniti esempi di modelli di “B2C”, cerchiamo di elencare i principali.

  • Sono mercati di business diretto al consumatore finale i ristoranti, che rappresentano un’azienda che si rivolge direttamente ai propri clienti.
  • Anche i negozi di abbigliamento che vendono i propri marchi sono modelli di B2C, vendendo direttamente i loro prodotti senza bisogno di intermediari.
  • Molti negozi di elettronica diretti come gli Apple Store, gli Xiaomi Store o i Samsung Store sono chiari esempi di B2C: si differenziano dai modelli di B2B per esempio quando vendono a intermediari come catene di distribuzione per la vendita dei loro prodotti.
  • Negozi artigiani come estetisti, parrucchieri, sarti, panettieri, rosticcerie ecc. sono aziende che operano in B2C rivolgendosi direttamente a persone fisiche.
  • Alcune catene di distribuzione alimentare che vendono i propri prodotti (pensiamo ad Eurospin, LIDL e tanti altri) rappresentano modelli di commercio B2C in quanto producono e vendono direttamente i propri brand al consumatore finale, al contrario della grande distribuzione specializzata che compra e rivende marchi non propri.
customer experience nel 2021 - cliente in negozio di abbigliamento

Quali sono le sue caratteristiche e differenze rispetto al modello B2B?

Come accennato il precedenza, al contrario del modello Business to Consumer si pone il Business to Business, ovvero il commercio che non si rivolge alle persone fisiche ma ad aziende, attività e negozi. Le caratteristiche del modello B2C sono quelle di essere un processo commerciale molto veloce e rapido. Si svolge principalmente nei comuni locali commerciali, dove i prodotti sono normalmente esposti e il cliente finale effettua direttamente l’acquisto dello stesso. Al contrario, nel modello B2B quando la vendita è rivolta ad aziende, solitamente si tratta di acquisti economicamente più impegnativi che necessitano, prima della fase finale, di riunioni, accordi commerciali e preventivi. Anche il tipo di comunicazione è totalmente differente, se ci si rivolge a una persona fisica o a un’azienda. Rivolgendosi direttamente ai clienti finali, le strategie commerciali risulteranno decisamente più informali e dirette, basate su forme di comunicazione visive, sensoriali, emozionali, cercando di richiamarne l’attenzione attraverso un marketing diretto (in-store, tour promozionali, guerrilla marketing), altre caratteristiche come il prezzo finale, eventuali sconti, presenza di promoter per far provare direttamente il prodotto sponsorizzato e tanto altro.

Perchè un’anzienda come Hostess&Promoter può incrementare il Business to Consumer?

Proprio grazie alla moltitudine di strategie commerciali possibili in ambiente Business to Consumer, un’azienda con anni di esperienza come Hostess&Promoter può aiutare un’attività a sviluppare una strategia commerciale per aumentare il cosiddetto “sell out”, ovvero la quantità di prodotto venduto direttamente ai propri clienti. Hostess&Promoter è specializzata nella creazione di campagne marketing dirette ai consumatori finali che possano far nascere un interesse esponenziale all’interno dei locali commerciali canonici, spesso sovraffollati di marchi e categorie merceologiche più disparate che possono confondere le intenzioni di acquisto. E’ quindi molto importante sapersi distinguere all’interno dello scaffale cercando di creare curiosità, dare informazioni tramite promoter specializzati, creare esperienze visive e di acquisto moderne e divertenti per sfruttare emozioni positive del cliente e trasformare una intenzione di acquisto, in un vero acquisto.

Vuoi trovare il tuo brand ambassador? Compila il form sottostante per ricevere un preventivo

    Azienda (*)
    Referente (*)

    E-mail (*)


    Telefono (*)


    Oggetto


    Messaggio


    INSERISCI ALLEGATO


    (*) Campi obbligatori